Petzl e Urban Wall

Nasce nel mondo dell’arrampicata sportiva indoor una nuova partnership che si tradurrà in iniziative di formazione, educazione, sport e cultura verticale.

L’arrampicata sportiva, dopo la sua prima Olimpiade a Tokyo 2021, si propone oggi ad un pubblico sempre più attento, curioso ed esigente.

Per chi si avvicina a questo sport, soprattutto per chi lo fa nei grandi centri urbani, le palestre d’arrampicata rappresentano oggi più che mai un punto di riferimento per crescere e formarsi in uno sport che ha il grande pregio di poter affiancare attività indoor e outdoor e tradursi così non solo in uno sport ma in uno stile di vita.

É in questo clima che si inscrive l’accordo di collaborazione siglato tra la Palestra milanese Urban Wall, una delle più grandi d’Europa e Petzl, il marchio francese che ha scandito fin dal suo esordio la storia dell’Arrampicata Sportiva in Europa e nel mondo, grazie a prodotti leader in termini di sicurezza e prestazioni in tutti i rami dell’alpinismo, dell’arrampicata sportiva e non solo. L’obiettivo di questa partnership ha un solo comune denominatore, la sicurezza, l’impegno congiunto di Petzl e Urban Wall si tradurrà in tante iniziative di formazione, educazione, sport e cultura verticale.

2.000 mq di area lead con 200 linee di arrampicata alte fino a 17 metri, con uno sviluppo che tocca i 30 metri lungo i muri più strapiombanti, per un totale di 100 catene, 1.000 mq di zona boulder con Moon Board e System Wall a completare percorsi che vanno ad accontentare agonisti e principianti e 500 mq di area per l’allenamento a secco. I numeri di Urban Wall, la palestra di
Arrampicata sportiva di Pero, zona strategica dell’hinterland milanese, sono di tutto rispetto, specchio di una delle palestre Indoor più grandi e complete d’Europa e Petzl non poteva trovare una “casa” migliore per avvicinare tanti climber e condividere con loro lo spirito che da cinquant’anni guida l’azienda, ovvero Access the inaccessible.

Articolo di Laura Giunta per Petzl Distribution.

Sei già associato per l’anno in corso?

SI NO